Tortelli in rosa con borragine e ricotta | i Frutti Della Terra

Vuoto

Totale: 0,00 €

i Frutti Della Terra

Ortaggi e frutta di stagione a domicilio ogni settimana

Tortelli in rosa con borragine e ricotta

Categoria Ricetta: 
Allergeni: 
Glutine
Latticini
Uova
Numero persone: 
8
Ingredienti: 
600 g di farina di grano tenero tipo 0
7 uova (6 per la sfoglia + 1 per il ripieno)
½ barbabietola rossa precotta
120 g di parmigiano reggiano grattugiato
650 g di ricotta vaccina fresca
300 g di borragine (fiori e foglie) già pulita e staccata dai gambi
sale
pepe
burro e parmigiano grattugiato per condire, alla fine
Preparazione: 

Pasta sfoglia.
Preparare la pasta per la sfoglia disponendo la farina a fontana su un piano di lavoro infarinato, rompere al centro le uova e mescolarle con una forchetta facendo attenzione a non farle uscire dalla fontana.
Sempre utilizzando una forchetta amalgamare la farina con le uova, procedendo in modo graduale, fino a quando le uova avranno assorbito parte della farina.
Tritare in un mixer la barbabietola rossa precotta, fino a ridurla in purea, utilizzando un pò di acqua vegetale presente nella confezione per agevolare l'operazione, quindi aggiungerla al centro dell'impasto.
A questo punto iniziare ad impastare con le mani, fino ad ottenere un impasto liscio e compatto, nè troppo asciutto (in questo caso aggiungere un pò di acqua) nè troppo umido (in questo caso aggiungere un pò di farina). Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola trasparente e lasciarlo riposare per circa mezz'ora (in frigorifero nei mesi più caldi).

Ripieno.
Lavare le foglie e i fiori della borragine e sbollentarli in acqua bollente salata per circa 15/20 minuti.
Scolare la borragine, farla raffreddare e strizzarla bene con le mani per fare uscire tutta l'acqua.
Tritare la borragine al coltello o con la mezzaluna (non usare il mixer!)
Mettere in una ciotola la ricotta (scolarla se presenta acqua), schiacciarla bene con una forchetta ed amalgamarvi la borragine.
Aggiungere anche il parmigiano grattugiato, l'uovo, due pizzichi di sale e una macinata di pepe e mescolare con cura.

Preparazione dei tortelli.
Iniziare a tirare la sfoglia, utilizzando l'apposita macchina, tagliando una porzione di impasto dal panetto (quest'ultimo va sempre riavvolto nella pellicola trasparente per evitare che si asciughi troppo), schiacciandola con le mani e passandola tra i rulli della macchina, procedendo in modo graduale dallo spessore più grosso fino ad arrivare a quello più sottile
Appoggiare la sfoglia su una spianatoia di legno infarinata, disporre al centro della sfoglia dei mucchietti di ripieno a distanza regolare tra loro, utilizzando due cucchiaini
Appoggiare una seconda sfoglia sulla prima, sigillando bene i bordi e le estremità (per farla aderire meglio inumidire i bordi della sfoglia con un pennellino immerso in acqua) pressando con le mani attorno ai mucchietti di ripieno, in modo da fare uscire l'aria.
Tagliare i tortelli con un tagliapasta rotondo (o di altre forma a fantasia) oppure utilizzare una rotellina dentata per dargli la classica forma quadrata o rettangolare
Disporre i tortelli su dei vassoi infarinati o coperti con un canovaccio pulito
Cuocere i tortelli in una grossa pentola con abbondante acqua salata in leggera ebollizione per pochi minuti, facendo attenzione a non scuocerli e a non romperli (la cottura dipende dallo spessore della pasta, in venere varai da 5 a 8 minuti)
Scolare i tortelli con una schiumarola, condirli con burro fuso e abbondante parmigiano grattugiato, quindi portare subito in tavola.

Note
Quella proposta è una versione fantasionsa dei tipici "Tortelli di San Giovanni", divertente e certamente inconsueta, gentilmemte propostaci da Susanna sul suo blog Afrodita's Kitchen.

I "Tortelli di San Giovanni" sono tipici di Parma e si portano in tavola la sera del 23 giugno, in occasione della tradizionale "tortellata", per festeggiare la notte di San Giovanni Battista e raccogliere la rugiada, che si dice porti fortuna.

In questo caso Susanna ha voluto utilizzare i prodotti del territorio, rispettando quelle che erano le usanze delle famiglie rurali di un tempo.
Con tanta fantasia ha mantenuto la ricotta, ma ha introdotto un'erba selvatica, la borragine, dal sapore molto delicato e aromatico. La barbabietola rossa è uno sfizio che non altera in nessun modo il sapore ma dona ai tortelli un grazioso colore rosa.